Ricerche genealogiche e fonti

Spesso si sentono storie di eredità piovute dal cielo ad eredi ignari, patrimoni lasciati da qualche parente sconosciuto, il famoso “zio d’America”, di cui neanche si conosceva il nome.

Ebbene, questi racconti non esistono solo nei film o nell’immaginario delle persone. Ogni pratica lavorata da E.D.Genealogia racconta una scoperta, una “rivelazione”, una storia unica come unica è ogni famiglia.
A volte gli eredi non sono a conoscenza dell’esistenza o dell’origine dell’eredità a cui sono chiamati, e ciò per diverse ragioni, uno fra queste il fenomeno dell’emigrazione che ha sempre coinvolto popoli di tutto il mondo.
L’Italia nella sua lunga e travagliata storia nazionale ha conosciuto da vicino il ripetersi di questo evento. Guerre, carestie, crisi economiche e dinamiche famigliari: sono tutti fattori che hanno innescato i movimenti interni ed esterni al nostro paese e che hanno visto coinvolte più di 18 milioni di persone.

Gli eredi da noi rintracciati rappresentano in questo contesto la prima espressione ed ultimo lascito dei loro antenati e della loro storia personale, panorama in cui E.D.Genealogia funge da ponte col passato per unire due nuovi presenti, accompagnando le famiglie alla scoperta delle loro origini e soprattutto alla rivelazione dei loro diritti successori.

In Italia, quando una persona decede in assenza di eredi conosciuti o di disposizioni di ultime volontà, un professionista viene nominato per gestire i beni lasciati dal defunto.

Questi amministratori, principalmente avvocati o commercialisti, hanno il compito di gestire il patrimonio del defunto fino a che questo non venga devoluto agli eredi legittimi, se rintracciati, o allo Stato, dopo 10 anni dalla data del decesso.

Spesso per i professionisti a cui viene affidata la gestione di un patrimonio ereditario, la ricerca dei successibili è molto difficile, in alcuni casi impossibile. La missione di E.D.Genealogia è proprio quella di svolgere tali ricerche, anche le più complesse, per ritrovare i beneficiari ignari del loro diritto successorio e consegnare loro un patrimonio che altrimenti, erroneamente, andrebbe devoluto allo Stato.

Il team di E.D.Genealogia vanta un’esperienza consolidata nell’ambito della genealogia successoria e, avvalendosi delle fonti più attendibili e della massima professionalità, riesce ad ottenere risultati rapidi e concreti.

In particolare, il gruppo Historikerkanzlei, di cui la nostra Società fa parte, conta 5 sedi nelle principali città austriache, con sede centrale a Vienna, sedi in Ungheria, Croazia e Romania, nonché una rete di collaboratori in ogni parte del mondo. Questo garantisce a E.D.Genealogia una presenza forte ed efficace a livello internazionale e, in particolare, nei Paesi di maggiore emigrazione da parte degli italiani, come Stati Uniti, Canada, Sud America, Australia, Germania.

Il ricercatore genealogico lavora principalmente attraverso gli archivi comunali, archivi di stato e archivi parrocchiali. Questi enti vantano sul territorio italiano la conservazione dei documenti più antichi della storia del nostro paese.
Fino all’epoca più recente, la vita umana è stata scandita ritmicamente da tre fasi fondamentali: nascita, matrimonio e decesso. Questi tre momenti sin dall’inizio della storia moderna sono stati registrati e regolamentati dalle società. Grazie a queste fonti il genealogista riesce a ricostruire meticolosamente e scrupolosamente le famiglie a partire da un singolo soggetto fino a determinare i nuclei più numerosi ed articolati.
Sulla base dei dati raccolti viene redatto quindi l’albero genealogico a partire dal quale si rintracciano gli aventi diritto più prossimi al defunto. In Italia si può ereditare fino al sesto grado, una parentela molto ampia! Ecco un esempio di albero genealogico di IV e di VI grado:

Vai alla barra degli strumenti